Nuovo piano industriale 2018 - 2020 a metà 2018. Elettrico dal 2019


PAI © Facebook-Google+-Twitter-Instagram-YouTube passioneautoitaliane.it-Passione Fiat Italia -redazionewm@outlook.com

"Dal 2019 la Maserati offrirà modelli elettrici e contribuirà all'elettrificazione del gruppo": Sergio Marchionne ha messo nero su bianco le prime notizie certe sul percorso verso le zero emissioni di FCA.

Marchionne ha affermato che "non esistono restrizioni" per una possibile fusione tra Maserati e Alfa Romeo e successivo scorporo dei marchi, "ma questo non significa molto". "Non voglio commentare su possibili disaggregazioni", ha proseguito l'ad: "Aspettate il piano industriale per il 2022 che sarà reso noto nell'Investor day entro la prima metà del 2018".

L'AD si è soffermato sui tempi della sua uscita e sulla designazione del successore: "La scadenza, non cambia: non sarò qui a presentare i conti 2019". Resta dunque l'indicazione del termine ultimo già data in diverse occasioni, vale a dire l'assemblea sui risultati del 2018, in programma per la primavera seguente.

"Se spuntasse una questione importante sarebbe inevitabile rimanere, ma sono fiducioso che troveremo il successore", ha proseguito Marchionne, aggiungendo che potrebbe restare nel cda di Exor e che la sua influenza "si vedrà nel piano 2018-2022". Che verrà realizzato dal suo successore, "scelto all'interno del gruppo": "ci stiamo lavorando da anni". Abbiamo formato persone adeguate, volenterose e capaci. Abbiamo un team molto stabile, ma non mi piace speculare sui nomi".

Commenti

  1. Ci vorrebbe un nuovo Ghidella... Le mesarati elettriche un grande Punto interrogativo
    F.c

    RispondiElimina
  2. Sono queste le novita di FCA? Le Maserati elettriche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se sai leggere hanno parlato di Maserati elettriche, il resto del piano verrà presentato a metà 2018

      Elimina
  3. Grazie tesoro, mi hai insegnato a leggere. Nel 2018 faranno il nuovo piano industriale, se lo rispettano come tutti quelli precedenti siamo apposto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il gruppo Fiat Chrysler ha chiuso il bilancio dei primi sei mesi dell’anno con utili triplicati rispetto allo scorso anno. Ulteriore riduzione del debito, che è un po’ la spina nel fianco del gruppo. A fine anno 2016 l’ammontare dei debiti era di 24,048 miliardi di euro, al 31 marzo di quest’anno erano scesi a 21,156 miliardi e ora, al 30 giugno, sono arrivati a 19,140 miliardi di euro."

      Un po dura fare investimenti con questo debito. se il tuo conto è in rosso riesci a campare o hai difficoltà? I piani industriali non sono la Bibbia, sono modificabili in base allasituazione economica, del mercato ed esigenze del gruppo

      Elimina
    2. Soluzione: vendere la baracca ai crucchi! Vedi quanti modelli ti fanno escire! Vedi ho pure imparato a fare il managger come te

      Elimina
    3. i tedeschi sono solo bravi a far credere di essere i migliori e gli Italiani sono i loro polli preferiti perché sono gli unici che ci credono

      Elimina
  4. Stanno sbagliando di grosso a investire nell'elettrico.... E poi si lamentano che non ci sono soldi per fare auto.....
    Semmai investire nell'ibrido....
    Fd

    RispondiElimina
  5. Mi sembra che FCA abbia pubblicato un'ottima trimestrale. Purtroppo ottenuta togliendo investimenti per nuovi modelli. Questo mi preoccupa. Trovo invece geniale, se vera, la notizia della Maserati elettrica. Una Alfieri elettrica con un listino sugli 80mila euro potrebbe stuzzicare i ricchi californiani disposti a spendere e che già comprano Tesla. Potrebbe pure guadagnare dei soldi contrariamente a Renault che vende poche Zoe a prezzi inarrivabili per gli acquirenti rimettendoci pure molti soldi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Controllo dei messaggi

Post popolari in questo blog

Prodotta oggi a Pomigliano d'Arco la milionesima Fiat Panda

Alfa Romeo Giulia si aggiudica il titolo di “Auto dell’Anno 2018” in Nord America

Cosa vedremo prossimamente

Vendite USA: Fiat diminuisce del 33%. Cresce solo 500L. Fiat crolla in Canada con 30 auto vendute a ottobre 2017