FCA riduce il debito. Attesa per il nuovo piano industriale, con qualche previsione e annunci già fatti


PAI © Facebook-Google+-Twitter-Instagram-YouTube passioneautoitaliane.it-Passione Fiat Italia -redazionewm@outlook.com

Il gruppo Fiat Chrysler ha chiuso il bilancio dei primi sei mesi dell’anno con utili triplicati rispetto allo scorso anno. Ulteriore riduzione del debito, che è un po’ la spina nel fianco del gruppo. A fine anno 2016 l’ammontare dei debiti era di 24,048 miliardi di euro, al 31 marzo di quest’anno erano scesi a 21,156 miliardi e ora, al 30 giugno, sono arrivati a 19,140 miliardi di euro.


Marchionne lascierà FCA tra il 2018 e il 2019, e il piano industriale 2014-2018 sarà in scadenza. Il successore di Marchionne sarà una figura già presente in FCA, e sarà lui a scrivere il piano industriale 2018-2022, che sarà reso noto nell'Investor day entro la prima metà del 2018.

Sicuramente ci saranno i modelli Alfa Romeo slittati e previsti nell'attuale piano industriale e probabilmente altro. Con una riduzione del debito che ostacolava gli investimenti e con un punto di vista diverso di un nuovo AD non è da escludere un recupero di Lancia, lo sblocco di Fiat Punto e del C-SUV, e possibilmente nuovi modelli.

Stimo molto Alfredo Altavilla (Chief Operating Officer EMEA), Lancista e uomo che ha insistito per avere la Tipo e che vorrebbe la Nuova Punto. Sarebbe un ottimo AD di FCA dal mio punto vista.

Capitolo Punto. Non ci sarà, almeno per ora, un modello successore della compatta Fiat che ancora si vende molto bene soprattutto in Italia. Lo conferma il responsabile del mercato nazionale Gianluca Italia. "Almeno per ora"... questo non smentisce i rumors provenienti da fonti autorevoli che dicono che la Punto sarebbe allo studio, e siccome ci vogliono almeno 18 mesi per fare un nuovo modello, ecco perchè non arriva nell'immediato, ma più avanti. Anche Alfredo Altavilla, in un intervista a "Il Sole 24 Ore" non si è sbilanciato sull'argomento Punto, ma non ha nemmeno smentito il suo arrivo. Anzi tra le righe si è inteso che sarà un derivato di Argo come riportato da Il Fatto Quotidiano, Auto Bild, Omniauto e altre "voci di corridoio".

FCA abbandonerà i piccoli diesel su auto come Panda, Punto, 500, 500L... puntato a GPL, Metano, nuovi FireFly (dal 2018) e micro ibrido da 48V. Elettrico già annunciato su Maserati dal 2019 e sul nuovo Ducato in arrivo nel 2020. Già citate da Marchionne la nuova Panda e la nuova 500 nel 2020.

Commenti

  1. Paolo B come vedi FCA è la prima a dire che la Punto arriva. Ma non adesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh certo.... possono promettere e rimandare... Visto che il modello attuale ha una dozzina di anni.... se rimandano ancora un po' uscirà la nipote della Punto! Incredibile FCA.

      Elimina
  2. Già la punto ha 12 anni Ahahah... Punto come la prima panda sostituita dopo 23 anni? :p
    F.c

    RispondiElimina
  3. Non vorrei però tornassimo agli errori del passato e del voler competere con auto che non danno redditività.
    Spero si ritorni nelle competizioni da qualche parte.

    RispondiElimina
  4. Riducono l'indebitamento perché non investono in nuovi modelli. Nel mondo dell'auto le cose cambiano velocemente. Oggi FCA fa utili. Benissimo. Ma se l'unica novità ufficiale è la Panda fra tre anni allora mi preoccupo molto. Voi continuate pure a festeggiare ma fra tre anni gli attuali modelli quanto venderanno? E poi cosa aspettiamo il piano industriale visto che tutti i precedenti sono stati disattesi? I piani di Fiat sono delle tracce, delle idee che in quel momento piacciono a Marchionne ma vengono sempre ridotti o stravolti. Questa purtroppo e la verità. Marchionne vuole andare in pensione con i conti a posto ma non vedo un minimo di programmazione per il futuro dell'azienda. Un esempio? Dopo giulia e stelvio ora è tutto bloccato. Della nuova Punto ridicolizzata trasformando la Argo si è parlato fin troppo. Unica notizia buona (sempre se non cambiano idea) è quella di una Maserati elettrica. Davvero interessante. Per il resto sono molto molto preoccupato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che fai fatica a capire è che con questi debiti non si fanno 40 novità all'anno per tutti i marchi. non credo che se hai i conti in rosso può darti alla pazza gioia. lo sanno anche all'asilo.è già tanto quello che hanno fatto visto che ci sono marchi come Rover che sono falliti.o non lo capite o fate finta per rompere con cose che non stanno in piedi. prova tu ad avere un mega debito poi vediamo se riesci a fare investimenti. più ne hai più investi ma se non li hai ti attacchi.

      Elimina
    2. evidentemente preferiva risanare con licenziamenti chiusure vendite e aiuti di Stato.migliaia di persone a casa ma almeno vedeva la nuova Punto in listino

      Elimina
    3. certo poi mi manteneva lui però.scenziati che pensano di essere più bravi di Marchionne ma da quello che dicono è meglio che non vanno a gestire aziende perché se no le fanno fallire. credo che anche mio nipote di 6 anni sa che se sei indebitato se non fallisci devi tirare la cinghia. ma preferisco che non ci sia la Punto (per ora!) e avere il mio posto a Melfi

      Elimina
    4. da uno che è convinto di far fare sucesso a questo blog con i suoi commenti cosa vi aspettate? i commenti o ci sono o no a chi scrive non gli interessa. quello che conta sono le visualizzazioni i commenti hanno importanza = 0

      Elimina
    5. Grazie ragazzi... mi fate sentire una star.. ma io voglio solo stuzzicare FCA a fare meglio. Perché può assolutamente farlo. Pensate a Peugeot. Era messa peggio di Fiat pochi anni fa. Ora ha una gamma eccellente dopo prestiti grossi (come Fiat) e cessione di quote ai cinesi. Voi quale situazione preferite?

      Elimina
    6. è ancora più da ammirare Marchionne che sta risanando i conti senza soldi pubblici senza vendere e chiudere. Peugeot ha scelto la strada facile e solo uno come te non è in grado di di riconoscere gli sforzi fatti. pensi solo a vedere novità e non vedi il resto. sei una star ma in negativo e sicuramente Torino rido se leggono quello che dici

      Elimina
    7. perchè adesso uno che riporta in pista due gruppi che erano alla frutta senza l aiuto di nessuno è un pirla? Intando FCA rimane indipendente con i suoi operai e stabilimenti senza restituire soldi a nessuno e potrà pensare solo a sfornare novità. e quando lo farà le tue amate Peugeot saranno vecchie. Sei solo un troll qui a disturbare e basta. GLI altri facciano quello che vogliono ma io non ti cago più che è l arma migliore

      Elimina
    8. questo pur di vedere una Punto è disposto a far vendere Fiat a VW. Cosa negativissima! per il resto mi aggiungo a chi non gli risponde più perché da come si comporta è qui solo per disturbare

      Elimina
    9. Non credo di meritare tante attenzioni ragazzi. Se non rispondete non importa. L'importante è che FCA si dia una mossa. Vi ricordo che negli anni ha ricevuto migliaia di miliardi in aiuti di stato. Esattamente come VAG. Ma guardate come è ridotta. Quindi non festeggio come voi. Ma aspetto che tiri nuovamente fuori le palle e ci presenti come nel 1983 a Cape Canaveral una Uno che faccia invecchiare tutte le altre auto.... ma forse siete troppo giovani per capire

      Elimina
    10. Qua tutti sono appassionati e muoino dalla voglia di vedere Fiat ecc sul tetto del Mondo con tante novità. In FCA sono i primi a volerlo e chi lo dice è uno che sa e vede l'amore e la passione per le auto e il loro lavoro che c è a Torino. Ma non basta questo! ci sono problemi finanziari che stanno risolvendo con successo è questo non viene mai riconosiuto. poi arrivano i modelli. Fino a che non risolvono i loro problemi puoi rompere quanto vuoi che la situazione non cambia.le poche risorse sono concentrate su Alfa e i nuovi motori per andare incontro alle nuove esigenze che prevedono l'abolizione del diesel e il fatto che sempre più Stati pretendono motori elettrici e ibridi. Infatti anche Enel farà grossi investimenti per fare punto di ricarica. sono stufo di ripetere cose che sono dati di fatto e non opinioni. lo sa anche un bambino che senza soldi non si fa nulla e non capisco perché questo non deve valere per FCA

      Elimina
    11. è l'ABC dell'economia il discorso che se chiunque ha debiti e poche risorse non va avanti o arranca.la passione non centra nulla!!! Preferisco novià con il contagoccie che chiusure vendite e aiuti di stato.quindi ben venga il lavoro di Marchionne che sta facendo con successo. i modelli sono arrivati e dal 2018 arriveranno!!! vediamo quante volte bisogna ripeterlo....e non parlare di sollecitazioni perché queste non sono opinioni e in una situazione del genere dai solo fastidio e fai la figura di quello che non capisce o vuole solo dar fastidio. Amo da morire Fiat e sto aspettando la Punto ma al contrario di te gli altri sono consapevoli che Fiat esiste ed è Italiana grazie a Marchionne e sta completando il risananmento che gli permetterà di fare nuovi prodotti. Il lancioa della Uno è famoso, non c è bisogno di avre dai 40 anni in su...la nuova Punto la possono presentare anche a Casalpusterlengo, quello che conta è che sia una Fiat degna erede di 127 Uno e Punto

      Elimina
    12. La punto 2019 sara la nuova 127!!!!!! :-)

      Elimina
    13. Nel 2010 arriva la 127!!!!

      Elimina
  5. In fondo, la politica di Marchionne sta dando i suoi frutti.
    Le vendite sono calate dell'1%, mentre gli utili sono triplicati.
    Questo è successo, perché a listino ci sono Giulia, Stelvio, Levante ed i SUV a machio Jeep.
    Speriamo escano nel breve-medio periodo, altri modelli Alfa Romeo e Maserati, i marchi che insieme a Jeep, trainano attualmente il gruppo.

    RispondiElimina
  6. @Paolo B.
    Molto spesso condivido il tuo pensiero su fca però vorrei spezzare una lancia in favore della fiat: non puoi paragonare la fca con la psa... Se guardi bene la psa (e renault) è una società statale... Cioè di proprietà dello stato francese a contrario della fca che, per fortuna o sfortuna, non è di proprietà dello stato italiano...
    Sicuramente Berlusca o Renzie o Genticojoni avrebbero già venduto la fca ai cinesi o peggio ai tedeschi...
    La psa (e renault) sono nazionalizzate dallo stato francese e hanno avuto soldi dallo stato francese (cosa vietata nella ue... Ma siccome la Francia è amica della nazi-Germania chiude l'occhio sugli aiuti di stato.. Se lo stato italiano aiuta la fca a produrre la new punto verrà bacchettata! E guarda caso il buffo Renzie ha dato soldi alla Lamborghini (di proprietà della Germania) per produrre in italia la suv oros...
    E non a caso anche la vag (vw-audi-seat-skoda-porsche) è di proprietà dello stato tedesco...
    Quindi non guardare alla psa-Renault-vag che hanno azioni (e aiuti) statali... E la fca è stata ammirevole a cancellare debiti dovuti agli errori del passato..
    Marchionne dovrebbe denunciare e sequestrare beni di Romiti e di altri politicanti che hanno portato la fiat al quasi fallimento...
    La psa oltre ad avere aiuti di stato ha avuto soldi dai cinesi ed è ovvio che ha una gamma completa...
    Fd

    RispondiElimina

Posta un commento

Controllo dei messaggi

Post popolari in questo blog

Alfa Romeo Giulia si aggiudica il titolo di “Auto dell’Anno 2018” in Nord America

Cosa vedremo prossimamente

Prodotta oggi a Pomigliano d'Arco la milionesima Fiat Panda