martedì 2 maggio 2017

Vendite FCA in Italia: Alfa Romeo Stelvio è il più venduto della sua categoria. Fiat prima nel segmento C


Passione Auto Italiane

Il risultato di Fiat Chrysler Automobiles si conferma nuovamente migliore di quello del mercato. Infatti, FCA ha ottenuto una quota del 29,2 per cento, in crescita di 0,1 punti percentuali rispetto a un anno fa, in un mercato fortemente condizionato da festività e “ponti”. Le immatricolazioni complessive del mercato hanno segnato il passo – era da maggio 2014 che non succedeva - con un calo del 4,6 per cento. Sugli scudi il primo posto dello Stelvio, la più venduta della sua categoria con una quota dell’11,8 per cento, che, unitamente alla Giulia, ha permesso al Brand Alfa Romeo di ottenere un exploit con una crescita del 46,6 per cento. Da segnalare anche la Fiat Tipo che, con oltre 5.200 registrazioni, è risultata prima nel segmento C con una quota del 23,2 per cento. Sono sei infine le vetture che caratterizzano Il dominio dei modelli FCA nella top ten:Panda, Ypsilon, Tipo, 500L, 500 e 500X.

Il risultato di Fiat Chrysler Automobiles si conferma nuovamente migliore di quello del mercato. Infatti, FCA ad Aprile ha ottenuto una quota del 29,2 per cento, in crescita di 0,1 punti percentuali rispetto a un anno fa, in un mercato fortemente condizionato da festività e “ponti”. Le immatricolazioni complessive del mercato hanno segnato il passo – era da maggio 2014 che non succedeva - con un calo del 4,6 per cento.
In dettaglio, nel mese FCA ha immatricolato quasi 46.900 vetture (il 4 per cento in meno rispetto all’anno scorso) per una quota del 29,2 per cento, in leggera crescita dello 0,1 per cento.
Nel primo quadrimestre del 2017 le registrazioni FCA sono state più di 219 mila, pari a un incremento del 9,6 per cento in confronto allo stesso periodo dell’anno scorso. La crescita è migliore rispetto a quella ottenuta dal mercato (+8 per cento) e la quota di Fiat Chrysler Automobiles è stata del 29,5 per cento, in crescita di 0,45 punti percentuali.
A trainare questi risultati sono state tutte le vetture di punta, con la classifica delle top ten ancora una volta dominata dalle auto FCA, con sei modelli presenti: Panda, Ypsilon, Tipo, 500L, 500 e 500X.
Il marchio Fiat in aprile ha immatricolato oltre 33.700 vetture (rispetto alle 35.800 di un anno fa) per una quota del 21 per cento.
Nel primo quadrimestre del 2017, oltre 160.600 le registrazioni del marchio (il 9,1 per cento in più nel confronto con lo stesso periodo del 2016) grazie alle quali Fiat ha ottenuto una quota del 21,6 per cento, in crescita di 0,2 punti percentuali.
Positivi risultati da tutti i modelli del marchio. Ancora una volta la Panda ha dominato la classifica: con quasi 11.900 immatricolazioni è l’auto più venduta del mese con una quota del 42,2 per cento nel segmento A. Terza vettura più venduta in aprile è stata la Tipo, con oltre 5.200 registrazioni e prima nel segmento C con una quota del 23,2 per cento. Ottimi risultati per la famiglia 500, che piazza nella top ten tutti i suoi modelli: la 500L e la 500X – entrambe prime nei rispettivi segmenti con quote del 65,5 e del 17,1 per cento – e la 500, che con il 15,6 per cento nel segmento A è seconda soltanto alla Panda.

In aprile Lancia ha immatricolato 5.850 vetture, per una quota del 3,65 per cento. Nel primo quadrimestre dell’anno le Lancia registrate sono state oltre 27.100 (il 2,8 per cento in più nel confronto con il 2016), per una quota al 3,65 per cento. Ancora una volta Ypsilon si è confermata molto apprezzata dal pubblico: in aprile è stata la seconda vettura più venduta in Italia e prima del segmento B, con una quota del 14,5 per cento.
Molto positivo il risultato ottenuto da Alfa Romeo. Il marchio ha chiuso aprile con poco meno di 4 mila immatricolazioni (il 46,6 per cento in più rispetto a un anno fa) e ha ottenuto una quota del 2,5 per cento, in crescita di 0,9 punti percentuali. Nel progressivo annuo le registrazioni dell’Alfa Romeo sono state 15.900, il 35,7 per cento in più rispetto al primo quadrimestre dell’anno scorso e la quota è stata del 2,1 per cento in aumento di 0,4 punti percentuali. L’exploit di immatricolazioni del brand è merito naturalmente di Giulia e Stelvio: la prima è già stabilmente sul podio delle vetture più vendute del segmento D con una quota del 12,5 per cento, la seconda invece ha già conquistato la corona di vettura più venduta della sua categoria con una quota dell’11,8 per cento.
In aprile Jeep ha immatricolato oltre 3.300 vetture per una quota al 2,1 per cento, in crescita di 0,1 punti percentuali. Positivo il risultato nel progressivo annuo, con quasi 15.600 Jeep registrate (il 6,6 per cento in più rispetto al 2016) e una quota stabile al 2,1 per cento.
A guidare le performance del marchio è stata la Renegade che è la vettura più venduta della sua categoria, seconda soltanto alla 500X.

10 commenti:

  1. Stelvio mi pare sia della stessa categoria di Tiguan.. e questo ha venduto oltre 100 esemplari in piu. Poi sempre rimanendo nella classifica suv sono davanti anche Evoque e Renegade

    RispondiElimina
  2. Si parla di segmento D. Tiguan e Evoque sono C e Renegade B.

    RispondiElimina
  3. bene, anche se qualcuno si "sente preso in giro" per le scelte di FCA qualcosa di buona sta arrivando. Forza avanti così (con i soldini che entrano si potrà ampliare la gamma)

    RispondiElimina
  4. Buoni risultati in Italia. Bene. Mi domando a questo punto che razza di successi avremmo avuto con una Punto nuova e con un CSUV. Ma evidentemente non sono abbastanza remunerativi... Se almeno in FCA rispettassero i piani industriali dichiarati oppure evitassero di promettere a vuoto mi sentirei meno preso in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continui a farfugliare vaccate il CSUV è un pianale per i segmenti C e D e produrre una segmento B con un pianale che parte dal segmento C è uno spreco di soldi in quanto deve essere riprogettato per un auto di segmento B, prima di sparare vaccate inutili, magari informati in modo tale da evitare di fare figure da cioccolataio.
      Saluti Giovanni.

      Elimina
    2. Ciao Giovanni! Mi spiace sentirti tanto povero di eleganza. Peccato. Secondo te quindi una nuova Punto ed un CSUV sono delle vaccate? Accipicchia. Tu vuoi davvero il bene di Fiat

      Elimina
  5. Leggendo meglio i risultati noto il primo cedimento della 500. È crollata nelle vendite. In America ormai lo fa da qualche mese. Dopotutto ha 10 anni. Per quanto tempo verrà ancora sfruttata? Non mi aspetto un ricambio in stile mini (dal 99 siamo già alla terza serie con l'ultima che è ormai una caricatura della vera mini) ma almeno che venga rispettata la scadenza promessa nel 2019. Ah già lo ha promesso FCA... Speriamo non ci sia il solito ripensamento

    RispondiElimina
  6. ....eccolo è arrivato. Sembrerebbe che solo FCA non possa riformulare il piano industriale in base ai cambiamenti del mercato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con questo non voògio dire che FCA è esente da sbagli

      Elimina
    2. Visto quello che fanno i concorrenti i piani industriali di FCA sembrano scritti da un autore di Zelig. Quello che mi delude è la mancanza di coerenza. Tutto qui. Si annunciano modelli e li si cancella. E soprattutto i modelli che chiede il mercato (mi sembra che comandi lui) vengono immancabilmente evitati! Quindi ci troviamo senza csuv, unico caso al mnodo! !!! Correggetemi se sbaglio....

      Elimina

Controllo anti SPAM ATTIVO!!! Spam e offese vengono eliminati in automatico!!!