Un Nuovo AD per FCA


Facebook Usa Modalità WEB

Nel 2018 Sergio Marchionne lascerà il Gruppo Fiat Chrysler, e al suo posto arriverà un nuovo amministratore delegato con un nuovo piano industriale.
Noi speriamo che al posto di Marchionne andrà Alfredo Altavilla, bravo Chief e appassionato del marchio Lancia. Alfredo Altavilla è stato nominato Chief Operating Officer Europe, Africa and
Middle East (EMEA) il 12 novembre 2012. È inoltre Head of Business Development e membro del Group Executive Council (GEC) dal 1° settembre 2011.

Ha iniziato la sua carriera all’Università Cattolica di Milano come assistente universitario. Nel 1990 è stato assunto in Fiat Auto, dove inizialmente si è occupato di operazioni internazionali nell’ambito delle attività di pianificazione strategica e sviluppo prodotto.

Nel 1995 è stato nominato Responsabile dell’Ufficio Fiat Auto di Pechino e nel 1999 Responsabile delle attività in Asia.

Dal 2001 si è occupato di Business Development, assumendo nel 2002 il coordinamento delle attività
riguardanti l’alleanza con General Motors e, nel 2004, l’incarico di gestione di tutte le alleanze.

Nel settembre del 2004 è stato nominato Presidente di FGP (Fiat/GM Powertrain JV) e Senior Vice
President Business Development di Fiat Auto.

Nel luglio del 2005 è diventato Chief Executive Officer di TOFAS, joint-venture paritetica tra Fiat Auto e Koç Holding quotata alla Borsa di Istanbul, mantenendo la responsabilità di Business Development.

Nel novembre del 2006 è stato nominato Chief Executive Officer di FPT - Fiat Powertrain Technologies.

A luglio 2009 è entrato nel Consiglio di Amministrazione di Chrysler Group LLC e a ottobre 2009 è stato nominato Executive Vice President Business Development di Fiat Group.

Da novembre 2010 a novembre 2012 è stato President and Chief Executive Officer di Iveco, facendo
anche parte, da gennaio 2011 a novembre 2012, del Fiat Industrial Executive Council (FIEC).
È laureato in Economia all’Università Cattolica di Milano. È nato a Taranto (Italia).

Come dicevamo è un amante del marchio Lancia e si spera che le cose possano cambiare ma Altavilla ha dichirato questo:

Alfredo Altavilla (Chief Operating Officier FCA Emea) ha dichiarato: "In Italia la Lancia è vitale. È anche vero che la Lancia ha una sua missione definita, incentrata sulla Ypsilon, e su questo modello resteremo focalizzati.

La Lancia è rappresentata degnamente dalla Ypsilon e in questo momento non ci sono le basi per un allargamento della gamma per un motivo molto semplice, e cioè che purtroppo Lancia è un fenomeno spiccatamente italiano. All'estero Lancia non ha una grossa penetrazione. Di questo ce ne dispiace enormemente, però c'è un momento in cui bisogna fare i conti con la realtà e la realtà è che fuori dall'Italia, malgrado gli investimenti che abbiamo fatto negli ultimi sei-sette anni, non siamo riusciti a guadagnare quella credibilità che, per esempio, il marchio Alfa Romeo ha conservato anche quando aveva pochi prodotti in gamma. Ed ecco che quindi abbiamo deciso di ritagliare Lancia sul mercato italiano, di investire per rinnovare la Ypsilon... questo è un intervento importante, su cui abbiamo investito quasi cento milioni... e continueremo a investire per tenere viva la presenza di Lancia nel segmento B in Italia".

Commenti

  1. Go Alfredo gooooooooo!

    RispondiElimina
  2. Se la lancia ritorna nei rally con la new delta integrale hf su base della Giulia, avrà notorietà internazionale in poco tempo con le vittorie...
    Bisogna investire e fare molto marketing.... ma siccome nel vertice dormono inventando futili versioni speciali.....
    FD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "....Lancia è un fenomeno spiccatamente italiano...." eccetera...
      In queste righe non mi pare di aver intravisto tutto queste possibilità per i marchio Lancia!
      Ma già, basta che il nome non sia quello dello stra-odiato Marchionne, che le stesse cose che lui dice da anni dette da un altro suonano diversamente!
      Vacci a capire!!!

      Elimina
    2. Il problema è che Marchionne ha sempre detto cose e.... fatto altro! La delusione di noi appassionati è tanta per questo motivo.

      Elimina
    3. Il problema è che la gente non ha ben chiaro che per fare nuovi modelli farli correre e fare marketing servono tanti soldi e FCA non li ha. Quindi hanno dato precedenza ad Alfa che ha un immagine ancora forte nel Mondo. Quando avranno i soldi allora si può parlare anche di Lancia. E smettetela con i tedeschi fanno che ognuno deve guardare casa propria.

      Elimina
    4. Verissimo. Ma ha promesso modelli sapendo benissimo di non poterli fare. Ha illuso gli appassionati e deluso gli investitori. Ormai non gli si crede più. Non parliamo del giochetto di rimandare rimandare rimandare.....

      Elimina
  3. Anche io davvero! C'è un quid di Ghidelliano in quest'uomo,sembra saper coniugare bene pragmatismo e fantasia, industria e spirito da vera Fiat! Lo spero davvero tanto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ghidella porto' la Fiat sul tetto del mondo perché perché ne capiva di auto, provava lui stesso i modelli da deliberare... che io sappia Marchionne guida solo Ferrari....

      Elimina
    2. In realtà guida anche Dodge Challenger, Jeep Wrangler e recentemente ha acquistato, pensa un po', anche una vecchia Lancia Delta Integrale!

      Elimina
    3. Aveva provato la Giulia all'inizio del progetto e ha un Levante...

      Elimina
    4. Bene bene.... ma continua ad essere un genio della finanza (grazie a lui Fiat esiste ancora) ma un ignorante in fatto di auto. Ha lasciato deliberare auto ridicole perché si è fidato di gente scarsa (in primis chi le ha disegnate)

      Elimina
    5. Difatti parlavo di Altavilla mica del "capoccia" ;) Altavilla ha fortemente voluto la Aegea/Tipo.

      Elimina
    6. Sì sì sei stato molto chiaro. Credo che Altavilla sia l'unico a poter deliberare modelli decenti e tirar fuori il marchio Fiat da questo strazio di gamma. Il problema è che in FCA sono talmente geniali che magari mettono un altro al posto di Marchionne. ....

      Elimina
  4. Lancia lasciamola riposare, ne potremmo riparlare tra qualche anno, se le cose dovessero andare bene.
    Ora, le priorità per me sono, un C-SUV a marchio Fiat, una segmento B a marchio Fiat (perché poi non marchiarla anche Alfa Romeo?), cercare di anticipare di sei mesi, il resto della gamma Alfa Romeo, una nuova Mserati GT e relativa cabrio.

    RispondiElimina
  5. Infatti Paolo B taglierei le mani chi ha disegnato quella ciofeca di Y e 500L living.....
    FD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....e il Doblo' restyling? ...la tipo 5porte...?(4porte ed sw sono passabili)

      Elimina
  6. @anonimo del 9:46 e 9:54
    Un conto é provare concept prima del disco verde della produzione e un conto è guidare modelli di serie....
    Quindi evita di prenderci per il c*lo....
    FD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli anonimi in realtà sono due!
      Quant'è bello usare l'anonimato però, quante risate quando qualcuno pensa sia una persona e invece sono due, tre o chissà quante!!! :-)
      Cmq era una risposta a Paolo B che ha detto: "che io sappia Marchionne guida solo Ferrari" e noi abbiamo detto che guida anche altro punto è basta! Come si dice: Ambasciator non porta pena!
      Infine, senza tante ipocrisie, puoi anche mettercela quella u al posto dell'* che arrivato a sto punto non cambia nulla oppure imparare ad essere un po' più fine ed educato quando si scrive su in forum e scrivere magari "evita di prenderci in giro" che sarebbe la cosa migliore!
      Tanti saluti e non serve che perdi tempi a rispondere che tanto non leggerò, per me l'argomento è chiuso!

      Elimina
    2. Io proporrei di mettere tutti un nickname.... facciamo prima. Anche tu se ti firmi anonimo ti metti al pari degli altri. Dai.... mica stiamo parlando di segreti di stato! Siamo al bar a dire la nostra da appassionati. Nulla di più. Un saluto

      Elimina

Posta un commento

Controllo dei messaggi

Post popolari in questo blog

Prodotta oggi a Pomigliano d'Arco la milionesima Fiat Panda

Il "Pandone" di Fiat

La divisione interna a Fiat per un erede della Punto e l'ostacolo per far arrivare la Argo in Europa

Emessa oggi la moneta in argento che celebra la Fiat 500

Stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco si conferma medaglia d'oro

Arriva l'Alfa Romeo Giulia TZ Coupé

Aggiornamento su Lancia Ypsilon 2018 e non solo...

Nuovo investimento di 42 milioni a Pomigliano d'Arco. A inizio 2018 l'annuncio dell'arrivo di una Nuova Alfa Romeo

Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo 48V Mild Hybrid