Abarth si aggiudica il prestigioso Premio Internazionale Barsanti & Matteucci

Seguici su Facebook 

Il riconoscimento dal 2000 premia le più illustri personalità internazionali distintesi nel campo dell'ingegneria automobilistica, e in occasione della cerimonia a Pietrasanta (LU) il pubblico ha potuto ammirare e provare alcune vetture dello Scorpione, che rappresentano in concreto l'affinamento tecnico e le prestazioni che contraddistinguono il brand.


Alfredo Altavilla, Amministratore Delegato di Abarth (CEO) e Chief Operating Officer EMEA Region FCA Group (COO) è stato insignito del "Premio Internazionale Barsanti & Matteucci". Il riconoscimento, promosso dal Comune di Pietrasanta e dal Rotary Club Viareggio Versilia con il patrocinio dell'Università di Pisa e la collaborazione con l'Osservatorio Ximeniano di Firenze e Fonderia Del Chiaro, è stato consegnato sabato 8 aprile nella suggestiva cornice dell'ex convento del Chiostro di S. Agostino, nel centro storico della Piccola Atene. Questo prestigioso riconoscimento è stato istituito nel 2000 per ricordare Eugenio Barsanti, pietrasantino di nascita, e Felice Matteucci, i due scienziati toscani che esattamente 160 anni fa inventarono il motore a scoppio. A ritirare il premio è stato Roberto Giolito responsabile divisione Heritage di FCA Italy.

In occasione della cerimonia, il pubblico ha potuto ammirare e provare alcune vetture dello Scorpione, che rappresentano i valori di performance, artigianalità e costante upgrade tecnico del brand. A Pietrasanta hanno sfilato il nuovo Abarth 124 spider, l'Abarth 595 Pista, presentata al recente Salone di Ginevra, l'Abarth 695 Biposto e l'Abarth 124 rally. Il marchio Abarth continua oggi a rappresentare in concreto il pensiero del suo fondatore, il geniale Carlo Abarth, che riuscì a trasferire in vetture d'uso quotidiano le stesse prestazioni e la stessa passione sino ad allora a esclusivo appannaggio dei mezzi da competizione. Nel 1949, invece, nacque lo Scorpione, diventato a suon di record e di intuizioni epocali un autentico mito del mondo a quattro ruote. Per questo motivo è stato attribuito a Carlo Abarth uno speciale premio alla memoria, ritirato dalla signora Anneliese Abarth, sua moglie, che rappresenta il brand nel segno di un profondissimo rapporto personale e professionale.

L'eredità di Carlo Abarth vive oggi in una gamma ricca e completa, che ha visto di recente importanti esordi. S'è appena svelata al pubblico l'Abarth 595 Pista: nuova versione dell'icona del brand che si rivolge a una clientela giovane con una vettura accessibile ma al tempo stesso ricca di contenuti, con un focus particolare su potenza, handling, sound e infotainment. Adrenalina e performance si trovano anche a bordo del nuovo Abarth 124 spider, sviluppato grazie alla Squadra Corse Abarth e in grado di garantire il grintoso dinamismo e la gioia di guidare che solo una vera roadster può offrire. Abarth, infine, si conferma il marchio automobilistico che più di tutti riesce a comunicare lo spirito che si vive all'interno dei circuiti: dalla partnership con Yamaha è nata l'esaltante Abarth 695 XSR Yamaha Limited Edition, serie limitata che si avvale della fibra di carbonio e dello scarico Akrapovič ultraleggero.

Commenti

Post popolari in questo blog

Prodotta oggi a Pomigliano d'Arco la milionesima Fiat Panda

Il "Pandone" di Fiat

La divisione interna a Fiat per un erede della Punto e l'ostacolo per far arrivare la Argo in Europa

Emessa oggi la moneta in argento che celebra la Fiat 500

Stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco si conferma medaglia d'oro

Arriva l'Alfa Romeo Giulia TZ Coupé

Nuovo investimento di 42 milioni a Pomigliano d'Arco. A inizio 2018 l'annuncio dell'arrivo di una Nuova Alfa Romeo

Aggiornamento su Lancia Ypsilon 2018 e non solo...

Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo 48V Mild Hybrid