Mopar festeggia 80 anni di storia


Facebook (Seguici in modalità WEB) Marelli&Pozzi-AutoSesto redazionewm@outlook.com
Ci stiamo trasferendo su www.passioneautoitaliane.it

Il nome Mopar, semplice contrazione delle parole "Motor" e "Parts", nasce ufficialmente il 1° agosto 1937 con il lancio di un prodotto antigelo ed emerge negli anni Sessanta, grazie al successo delle automobili americane da competizione, le cosiddette "muscle cars. Con le vetture Dodge e Plymouth Mopar lanciò la sua prima linea di ricambi, denominata Mopar Performance Parts  appositamente pensati per massimizzare le performance delle automobili da corsa. La fama del marchio crebbe cosi tanto che, a fine decennio, i proprietari definivano i propri veicoli "automobili Mopar".

Da allora il brand si è evoluto grazie allo sviluppo delle attività di assistenza tecnica e supporto ai clienti ed è oggi l'Official Service Partner dei marchi di Fiat Chrysler Automobiles nel mondo.

"Mopar ha un ruolo impareggiabile nell'universo automotive, potendo vantare visibilità, ampia portata dei servizi e una passione senza pari rispetto a qualunque altra società di assistenza e ricambi del settore," ha dichiarato Pietro Gorlier, Responsabile Parts and Service Mopar FCA - Global. "Siamo partiti come marca di prodotti antigelo, e oggi  Mopar è presente in oltre 150 Paesi fornendo ricambi, accessori, servizi e assistenza al cliente lungo tutta l'esperienza di guida del veicolo".

Negli ultimi dieci anni, Mopar ha introdotto alcune importanti innovazioini., tra le quali spicca, nel 2008 la creazione, presso i concessionari FCA,  del servizio Mopar Express Lane, che offre servizi rapidi, tipo il cambio  dell'olio, e che attualmente conta oltre 1.000 sedi operative solo negli Stati Uniti e oltre 1.750 punti aperti in più di 20 paesi in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti è in corso la costruzione di due nuovi Mopar Parts Distribution Center (PDC), che si aggiungono all'attuale rete formata da più di 50 centri di distribuzione ricambi analoghi, destinati all'assistenza degli oltre 500.000 ricambi originali della gamma Mopar.

Mopar ha fatto poi da apripista a numerosi primati nel settore, fra cui le prime applicazioni mobile per smartphone che gestiscono le  informazioni sui veicoli, i caricabatterie wireless e la  assistenza dinamica in officina   basata su tablet , denominata wiADVISOR. Mopar ha realizzato, inoltre, una serie di veicoli in limited edition interamente costruiti in fabbrica, a partire dal Mopar '10 Challenger. Da allora, Mopar ha lanciato un'edizione speciale all'anno. L'ultimo Mopar '16 Ram Rebel, ha venduto, dal 2010, 3.650 esemplari 
Per quanto riguarda i prodotti, Mopar ha realizzato, in collaborazione con Jeep®, una nuova linea di accessori Jeep Performance  che offre agli amanti del fuoristrada ricambi dedicati a chi ama  l'avventura. A fine 2016 il mercato ha visto la comparsa dei nuovi Crate HEMI® Engine Kit, consentendo agli appassionati di applicare la moderna potenza HEMI ai grandi classici risalenti al 1975 o prima ancora.

Per tutto il 2017 il marchio Mopar promuoverà l'ottantesimo anniversario con una carrellata di iniziative, fra cui veicoli a edizione limitata, servizi a tema, offerte sui ricambi e riservate ai clienti, una collezione merchandising dedicata, eventi, festeggiamenti e molto altro.
Le celebrazioni avranno inizio con il North American International Auto Show (NAIAS) 2017 che si sta svolgendo in questi giorni a Detroit fino al 22 gennaio. Coerentemente con l'espansione internazionale del marchio, i leader mondiali nel settore e i media avranno non solo l'opportunità di assistere all'inaugurazione della festa di compleanno di Mopar che andrà avanti durante l'anno, ma potranno anche visitare l'apposita mostra a tema Mopar Garage NAIAS.

Dal 2012 il marchio Mopar opera in EMEA al fianco  dei brand di FCA ed èl'unico a conoscere in modo approfondito qualunque modello e a prendersi cura di tutte le esigenze del cliente, sia al momento dell'acquisto di un veicolo sia nelle fasi successive per personalizzarlo con servizi e accessori esclusivi. La sua missione è oggi espressa nella nuova tag-line "At your service" che segna un'evoluzione di posizionamento del marchio e che comparirà su tutta la comunicazione istituzionale, servizi e prodotti. Del resto, la storia di Mopar si fonda proprio sulla sua capacità d'infondere serenità prendendosi cura delle vetture e dei veicoli commerciali leggeri dei brand FCA ed in particolare delle persone che li guidano. Un partner di fiducia, quindi, che è al fianco del cliente in ogni fase della sua esperienza di acquisto e di possesso garantendo un'offerta di servizi di altissimo livello, tecnologie d'avanguardia e prodotti innovativi per personalizzare il proprio veicolo.

In particolare, Mopar offre ai suoi clienti un'ampia gamma di accessori, costruiti su misura per le vetture del Gruppo. I prodotti disponibili a catalogo sono unici perché sviluppati secondo una collaborazione diretta con la piattaforma di progetto del veicolo. In perfetta sintonia con la tag-line "At your service" anche il sito istituzionale di Mopar.eu che si rinnova nella veste grafica diventando sempre al servizio di clienti, concessionarie e officine autorizzate. Il sito vede una riorganizzazione dei contenuti che presenta il mondo e i valori di Mopar con semplicità, chiarezza e interattività. Ad esempio, da Mopar.eu è possibile accedere facilmente al Dealer Locator, in grado di indicare quello più vicino all'utente, segnalare problemi a un apposito team di supporto o, ancora, scoprire gli accessori dedicati ai veicoli FCA. E non mancano spazi dedicati alla manutenzione, ai ricambi originali, ai piani di garanzia e in generale a tutto l'ambito dei prodotti e servizi post-vendita del gruppo FCA. Inoltre, con pochi click è possibile scoprire i contenuti aftersale dei singoli marchi FCA o accedere all'Area Riservata, che assicura servizi, offerte e funzionalità esclusive per i possessori di auto Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Jeep, Abarth e Fiat Professional.

Presso le Officine Autorizzate il cliente trova sempre competenza e rapidità in tutti gli interventi di riparazione e di cura, con la sicurezza dei ricambi originali. Oltre all'altissima professionalità degli addetti e alla qualità dei prodotti utilizzati, la rete FCA può contare sull'efficienza dei 21 Parts Distribution Center presenti nell'area EMEA che consentono di rifornire tempestivamente i punti di assistenza. Lo dimostra, ad esempio la medaglia  Bronze del World Class Logistic assegnata nel 2015 al Centro di distribuzione di Volvera (Torino).

Un ulteriore punto di forza per Mopar è rappresentato dal Customer Care che, anche grazie agli operatori del  Customer Services Centre di Arese, quotidianamente eroga informazioni e risolve problematiche dei clienti FCA coprendo 22 mercati e rispondendo in 25 lingue differenti. Il tutto all'insegna della massima trasparenza e rapidità.

Per offrire al cliente il piacere di guidare in totale serenità, Mopar offre poi i contratti di servizio Mopar Vehicle Protection che comprendono una gamma ampia e flessibile di garanzie estese e di piani di manutenzione, trasferibili in caso di vendita del veicolo. Ogni piano offre livelli differenti in termini di durata e chilometraggio ed è concepito per soddisfare le differenti esigenze di guida dei singoli clienti, garantendo così il funzionamento ottimale del veicolo nel tempo.

Maggiori informazioni su prodotti e servizi firmati Mopar per l'area EMEA sono disponibili al sito http://www.mopar.eu/eu/it/mopar

Nel 1937, sei anni dopo la realizzazione dello stabilimento Chrysler Motors Parts Corporation presso il complesso aziendale di Highland Park, in Michigan, un gruppo interno di esperti di marketing fu chiamato a scegliere un nome per l'antigelo utilizzato nelle vetture Chrysler.
Una delle prime presentazioni al pubblico del nome Mopar avvenne nel momento in cui Chrysler ricevette la richiesta di una flotta per la parata inaugurale della convention annuale della Shriners, tenutasi nel 1937 a Detroit. Fu così che la società costruì un cammello alto 3 metri composto interamente di parti di automobili e due  cartelli laterali con la scritta: "Mr. Mopar." In testa alla flotta, e alla guida del cammello, fu posto un piccolo "uomo meccanico" di nome ACCY (accessorio). 

Durante i bellicosi anni Quaranta Mopar e Chrysler allargarono la propria produzione realizzando componenti, armi e veicoli militari. Come accadde per qualsiasi altro grosso produttore, tutte le risorse furono investite per favorire la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. A partire da metà decennio, dopo la fine della guerra, Mopar si trasferì in uno stabilimento su Jefferson Avenue a Detroit e diede vita, poco dopo il 1947, al programma di addestramento Master Tech, appositamente pensato per ottimizzare le competenze dei tecnici Chrysler.
Nel 1953 Mopar incrementò sia il numero di stabilimenti sul territorio nazionale che la quantità di parti offerte. Nel plauso generale inaugurò a Center Line, nel Michigan, il Mopar Parts Depot un deposito ampio e animato, tutt'oggi attivo. Attualmente la struttura impiega più di 1300 dipendenti ed è la base di partenza per oltre 16,5 milioni di parti spedite annualmente in tutto il mondo.

Con la nascita del motore HEMI, le auto da corsa del Gruppo Chrysler hanno fatto la loro comparsa sui circuiti da corsa, introducendo, per la prima volta, il concetto di prestazioni elevate che, ben presto, sarebbe diventato la colonna portante della nuova "personalità" del marchio Mopar.

Gli anni Sessanta hanno determinato l'evoluzione del marchio Mopar.  La gamma di prodotti Mopar si arricchì di parti elettriche e in vetro, mentre le corse divennero elemento di paragone fra i veicoli. Tra gli anni 1962 e 64, Chrysler presentò i motori e le package car Max Wedge ad alte prestazioni, facendo innamorare l'America delle auto potenti.

Nel frattempo, un gruppo di ingegneri Chrysler autodefinitisi "Ramchargers" si misero al lavoro anche di notte e nei fine settimana per Incrementare la velocità delle proprie auto. Le nuove parti realizzate diedero vita al marchio Mopar Direct Connection, riservato alle vetture da corsa. Inizialmente le parti Direct Connection furono destinate esclusivamente ai piloti professionisti, ma con il passare del tempo vennero vendute a chiunque sognasse di dominare il circuito. Un pilota che se ne rese conto fu "Big Daddy" Don Garlits, innovatore, icona e campione di drag racing che per tutta la vita  si fece ambasciatore del marchio Mopar. I nomi di Garlits e Mopar rimasero intrecciati durante tutta la sua leggendaria carriera.

Vincere sul tracciato significava vendere negli showroom, e Chrysler, con le sue package car, riuscì nell'impresa. Il più grande motore da corsa, il 426 HEMI, conquistò i circuiti nel 1964, mentre nel 1966 il 426 Street HEMI divenne re delle strade. A cavallo fra gli anni Sessanta e Settanta, alcuni entusiasti delle performance di Chrysler, Dodge e Plymouth cominciarono ad associare il brand Mopar a qualsiasi loro veicolo. Anche l'ambiente competitivo iniziò a temere quel nome.

Le ultime package car del periodo apparvero nel 1968, quando Chrysler realizzò una serie di automobili HEMI Super Stock Dodge Dart e Plymouth Barracuda. Un'eredità destinata a non scomparire, dal momento  in cui questi veicoli sono tutt'ora tra i più veloci nelle categorie Super Stock nelle corse della NHRA. Ogni anno Mopar omaggia quelle auto facendo da sponsor per la speciale Mopar HEMI Challenge della NHRA.

Negli anni Settanta, inoltre, Mopar  offrì per primo un sistema dedicato di spedizioni di parti, proponendo un nuovo standard per i servizi al dettaglio. Questo sistema ebbe successo e venne aggiornato e riproposto alla fine degli anni Novanta.

Gli anni Settanta e Ottanta portarono numerosi cambiamenti nell'industria automobilistica dovuti ai controlli stringenti sulle emissioni, alle carenze di benzina e al tramontare dell'era delle muscle car. Il lancio della Direct Connection, line Mopar di parti ad alte prestazioni, fu acclamata da tutti gli appassionati di motori di potenza e non solo dai piloti; tempo dopo cambiò nome in Mopar Performance per accentuare la forte eredità Mopar.  Nel 1987 Chrysler aveva intanto acquistato i beni di American Motors e il marchio Jeep entrò a far parte della famiglia,  portando così all' aggiunta di parti e accessori Jeep alla già ampia gamma Mopar.

La Mopar Service and Parts Division si stava facendo strada in nuove direzioni, con obiettivi e desideri del tutto nuovi. Inizialmente nato solo come fornitore di parti e assistenza, il marchio si stava preparando a entrare nel nuovo secolo come brand di riferimento non solo nel settore dei ricambi ma anche nel panorama dell'assistenza e customer care.

Gli anni Novanta hanno contribuito a consolidare le fondamenta di Mopar. Venne doppiamente valorizzata la formazione tecnica mediante programmi come il Mopar College Automotive Program (CAP) introdotto pochi anni prima. In collaborazione con istituti di formazione avanzata di tutto il territorio nazionale, il CAP, un programma di tirocini formativi di durata biennale sostenuto da Mopar, continua a produrre i profili tecnici più competenti di tutto il panorama automotive.

All'alba del nuovo millennio, formazione e tecnologia si configuravano come le parole d'ordine in casa Mopar. Tra le novità, anche un nuovo design per il logo di Mopar Omega M, l'integrazione di cilindri sul nuovo motore HEMI Gen III e una maggiore presenza di Mopar nelle competizioni motosportive.

Facendosi sempre più strada in un mondo globalizzato fatto di veicoli, tecniche e strumenti all'avanguardia, Mopar fu finalmente pronta a diventare leader nella valorizzazione dell'esperienza dei clienti.

Nel 2008 Mopar  presentò la primissima iniziativa Mopar Express Lane, un business model di cambio dell'olio rapido e assistenza luci che avrebbe stravolto l'idea comune di come si svolgono gli interventi di manutenzione presso i concessionari. Velocità di assistenza, assenza di appuntamenti e prezzi competitivi si dimostrarono ingredienti vincenti che nel 2016 portarono all'apertura negli Stati Uniti della millesima Mopar Express Lane.
Mopar si concentrò su innovazioni tecnologiche progettate per migliorare l'esperienza del cliente. Vennero presentate diverse novità assolute per il settore, fra cui le prime app per smartphone di gestione delle informazioni sui veicoli e wiTECH, un software di diagnostica per concessionari utilizzato dai tecnici Mopar per semplificare i processi di riparazione.

Nel 2008, in omaggio al proprio passato da performance, Mopar presentò Mopar Dodge Challenger Drag Pak, la sua prima "package car" in 40 anni costruita in un solo stabilimento. I 100 esemplari furono esauriti in fretta, e le scorte dei nuovi modelli Drag Pak terminarono negli anni successivi.

Nel 2010 il marchio ha prodotto la prima di una serie di veicoli a edizione limitata, la Mopar '10 Challenger. La produzione si limitò a 500 esemplari, modificati in fabbrica con parti e accessori Mopar. Sono seguite altre vetture Mopar a edizione limitata prodotte in fabbrica: le Mopar '11 Charger, Mopar '12 300, Mopar '13 Dart, Mopar '14 Challenger, Mopar '15 Dodge Charger R/T e Mopar '16 Ram Rebel.

Negli ultimi anni Mopar ha spinto l'acceleratore sul suo processo di trasformazione in un marchio responsabile del customer journey dei veicoli FCA di tutto il mondo. A testimonianza di questo approccio che mette il cliente al centro dell'attenzione, è stato coniato lo slogan "At Your Service". Nel 2016 erano operative oltre 1750 stazioni Mopar Express Lane in più di 20 paesi in tutto il mondo. Inoltre, il marchio ha calcato i palchi più importanti, partecipando a esposizioni automobilistiche internazionali.

Una rete di 11 Mopar Custom Shop ha offerto ai clienti la possibilità di aggiungere accessori Mopar durante la procedura di ordinazione e di farsi consegnare la vettura completa di accessori, descritti in vetrofania, direttamente al concessionario. Gli ultimi Mopar Custom Shop sono stati inaugurati a fine 2015 in Messico e Brasile. Nel 2016 è stata avviata la costruzione negli Stati Uniti di due nuovi Parts Distribution Center che si uniranno presto alla rete attuale formata da oltre 50 centri in più di 20 paesi, con l'obiettivo di servire proprietari e concessionari di tutto il mondo.

L'esperienza assistenziale Mopar è stata ulteriormente migliorata nel 2012 grazie all'integrazione di wiADVISOR, uno strumento di check-in nell'officina basato su un tablet in grado di scaricare subito dal computer di bordo i dati di veicolo e cliente e di collegarsi con i database aziendali per ridurre i tempi di permanenza del cliente in officina.

Nella sua espansione mondiale, Mopar è rimasta fedele al proprio DNA supportando i drag racer che competono per la National Hot Rod Association (NHRA), dagli Sportsman ai professionisti. Il marchio, infatti, ha sostenuto i campionati Pro Stock della NHRA negli anni 2012 e 2013. I team di Dodge Charger R/T, sponsorizzati da Mopar e schierati dalla Don Schumacher Racing, hanno dominato la categoria NHRA Funny Car, guadagnandosi quattro titoli negli ultimi sei anni e capeggiando la conquista dell'edizione 2016 della NHRA Manufacturers Cup da parte dei marchi Mopar e Dodge.  

Mopar ha proseguito nella produzione di parti e accessori per aiutare i proprietari a progettare auto che rispecchiassero i loro stili di vita. Il marchio, infatti, ha introdotto una nuova gamma di parti Jeep Performance che offrisse agli amanti del fuoristrada dei ricambi pronti per l'avventura e, a fine 2016, ha immesso sul mercato i nuovi Mopar Crate HEMI Engine Kits, consentendo agli appassionati di applicare la moderna potenza HEMI ai grandi classici risalenti al 1975 o prima ancora.

Da ormai 80 anni Mopar è presente su oltre 150 mercati con un pacchetto assistenziale completo in grado di offrire una gamma composta da oltre 500.000 parti e accessori, un lungo viaggio iniziato umilmente come marchio di prodotti antigelo.

Durante i suoi 80 anni di vita, Mopar ha introdotto diverse novità assolute nel settore, fra cui:
App di gestione delle informazioni sui veicoli: prima a introdurre app di gestione delle informazioni sui veicoli per smartphone, un nuovo canale comunicativo con i clienti;
wiADVISOR: prima a integrare uno strumento di assistenza in officina basato su un tablet;
Electronic Vehicle Tracking System (EVTS): prima a commercializzare un nuovo dispositivo interattivo di monitoraggio del veicolo, in grado di inviare al proprietario un messaggio quando l'automobile viaggia a velocità o a distanze eccessive sulla base di parametri pre-impostati;
Wi-Fi: prima a offrire ai clienti la rendere il proprio veicolo un hot spot wireless;
Libretti di istruzioni elettronici: prima a introdurre i tradizionali libretti di istruzioni in formato DVD e guida breve per l'utente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dalla Germania arriva la conferma dell'arrivo di 4 Alfa Romeo e 3 Fiat entro il 2019. Ecco quali...

Commento sulle voci dell'arrivo di una nuova Fiat

Fiat C-SUV 2019

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il SUV più veloce del mondo con il record sul giro al Nürburgring

Nuova Fiat Punto potrebbe rimanere a Melfi

All’esordio su Giulietta i nuovi Pack Tech con Apple CarPlay e Android Auto e Pack Carbon Look

Al via gli ordini della Fiat 500X Model Year 2018 con Apple Car Play, Android Auto e Uconnect 7"

Perché Lancia è arrivata ad avere la sola Ypsilon solo per l'Italia. La storia dagli anni 90 ad oggi.