Facebook - Google+ - Twitter - Instagram - YouTube -
passioneautoitaliane.it - redazionewm@outlook.com

mercoledì 5 ottobre 2016

Previsioni vendita Jeep Compass e ...


PassioneAutoItaliane.BlogSpot.it - Seguici su Facebook Cliccando QUI
(Seguici in modalità WEB anche su Tablet e Smartphone)

“La Jeep Compass  ha un potenziale di vendita enorme, s’inserisce in un settore del mercato in forte crescita in America come in Europa, e ha tutte le qualità di una vera Jeep”. Parole di Michael Manley, top manager di Jeep e Ram (in arrivo anche in Italia), intervistato da AlVolante.

Manley ha analizzato attentamente la concorrenza e afferma che nessun suv di pari categoria può offrire le prestazioni nell’off-road della Compass. Anche se la nostra è un’auto molto versatile, a suo agio su ogni fondo, e come doti di guida non teme rivali nemmeno su asfalto. Poi, è spaziosa, comoda e ben accessoriata. Penso che la natura davvero poliedrica della Compass farà la differenza.

"La vettura è costruita in Brasile e si potrà toccare con mano nelle concessionarie italiane verso la fine del 2017."

"Il Renegade si è rivelato un autentico successo, in circa due anni ne abbiamo prodotte oltre 330.000. Negli Usa è la piccola suv più venduta e anche in Europa ha avuto uno straordinario seguito. Ma ritengo che la Compass possa realizzare numeri ancora maggiori."

"Il marchio è cresciuto un po’ ovunque, ma è in Italia che vendiamo di più. Soprattutto grazie alla Renegade, un’auto compatta come piace agli italiani."


Per la guida autonoma afferma: "ritengo che la guida autonoma debba essere proposta al cliente, non imposta. Nell’off-road il ruolo del guidatore è centrale. In questo senso la filosofia Jeep non è quella di sostituirlo, ma di offrirgli tutti quei dispositivi che possono agevolarlo. Per esempio, i sofisticati programmi di guida specifici per il tipo di fondo da affrontare, previsti dal nostro sistema di trazione integrale."


Mopar fa parte del gruppo FCA e si occupa di assistenza, formazione, ricambi e aftermarket. AlVolante ha intervistato il responsabile dell’area Emea (Europa e Medio Oriente), Santo Ficili.

Ficili parla delle novità per Jeep e afferma: "in America Mopar ha un catalogo enorme per personalizzare la propria vettura ma in Europa abbiamo molti vincoli di omologazione e tanti di quegli accessori non possiamo importarli. Ora, però, disponiamo di due kit di componenti dedicati a Wrangler e Renegade omologati per l’uso in Italia e montati su due vetture esposte sullo stand Jeep a Parigi. Il primo permette di rialzare di due pollici la vettura, e comprende anche nuovi cerchi, una barra attorno al parabrezza con luci supplementari, una diversa barra stabilizzatrice, protezioni per il sottoscocca, pneumatici maggiorati, gradini laterali per accedere meglio a bordo, una diversa griglia e tanti altri piccoli dettagli. Per Renegade, invece, le modifiche sono più leggere ma comunque il kit comprende molle e ammortizzatori che permettono di alzare l’assetto di un pollice. Saranno in vendita entro fine anno, ma il prezzo ancora non è stato fissato. Si potrà comunque comprare l’intero kit o i singoli pezzi."

"Oggi il cliente desidera principalmente la personalizzazione, anche quella che non richiede di affrontare questioni omologative: ad esempio con adesivi o altro. Abbiamo offerte di tutti i tipi: un esempio è la Fiat 124 Spider esposta a questo salone (Parigi), che abbiamo chiamato “America”, dotata di cerchi specifici, portapacchi posteriore e altre piccole modifiche.

Ficili spiega il ruolo di Mopar in Europa e dice: i ricambi sono di gran lunga il primo settore, visto che dobbiamo garantire la reperibilità dei componenti fino a dieci anni dall’uscita di produzione della vettura. Ma ci occupiamo anche della formazione delle officine, del supporto ai sistemi multimediali della piattaforma Uconnect e persino del customer care: ad Arese abbiamo un call center con 500 addetti che rispondono alle chiamate di tutto il continente per tutti i marchi. Tranne Ferrari e Iveco, Mopar si occupa di tutti i marchi FCA, e da sei mesi anche Maserati è entrata sotto il nostro “ombrello”. In Mopar, per la regione Emea, lavorano 2800 perone.

Web Magazine Passione Auto Italiane
Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_AUTO_Italiane
Render, Scoop, Foto, Sponsor, Contatti...: redazionewm@outlook.com

10 commenti:

  1. "La vettura è costruita in Brasile e si potrà toccare con mano nelle concessionarie italiane verso la fine del 2017". La frase lascia un dubbio: per l'Europa la Compass verrà prodotta in Messico (non che in Brasile sia da meno eh..)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Dalle notizie diffuse, i modelli destinata al nord America e l'Europa, dovrebbe essere assemblati in Messico.
      Quelli per il sud America in Brasile ed immagino verrò assemblata anche in Cina per il mercato locale.

      Elimina
  2. Madonnina fine 2017!!?? Ma possibile che hanno sempre tempi biblici per commercializzare una nuova auto???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno.
      L'auto è pronta e ci mettono un anno per commercializzarla anche da noi? Assurdo.
      Questa politica commerciale proprio non la capisco.

      Elimina
    2. nessuno fa auto da oggi al domani e le lancia in 100 mercati in un colpo solo. E' impossibile per tutti

      Elimina
    3. l'auto è pronta ma la produzione non va a regime subito! Anche la Giulia prima è stata lanciata in Italia e piano piano stanno completando la commercializzazione in tutto il Mondo

      Elimina
    4. Si, ma la Giulia viene prodotta in un'unica fabbrica, a Cassino. Invece qui si parla d tre fabbriche diverse. Forse in Messico la produzione verrà liberata quando verrà dismesso un vecchio modello che deve durare per un altro anno? Comunque troppo tempo.

      Elimina
  3. Andate su fiatpress.it e sulla pagina jeep. C'è scritto secondo semestre 2017 per l'Europa.
    Può essere nei concessionari a luglio.
    In Messico la produzione comincia il 31 gennaio. Solo per gli USA ? Ne dubito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben che vada, la produzione in Messico inizia tra 4 mesetti e se fosse luglio, la vedremo da noi tra 10 mesi circa.
      Sono comunque tantini, anche considerando tutti i problemi logistici, ecc.

      Elimina
  4. Ottima auto. L'unico marchio su cui FCA sta facendo pieno affidamento. Gallina dalle uova d'oro. Gli altri Brand destinati a brutta fine. Compresa Alfa se Stelvio non funziona.

    RispondiElimina

Controllo anti SPAM ATTIVO!!! Spam e offese vengono eliminati in automatico!!!