Alfa Romeo, Fiat, Fiat Professional, Jeep, Lancia, Abarth - Mopar - RAM Truck - Maserati - Ferrari - Iveco (furgoni, camion, TIR e Pullman - Camper - Competizioni) - FCA e CNH (Gruppi Italo Americani) - Mezzi FCA che ci riguardano
.
Seguici su Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_Auto_Italiane -
Passione Auto Italiane: il primo Web Magazine delle tue passioni dal 9 aprile 2014 - redazionewm@outlook.com (per SPONSOR, Render, foto, contatti e tutto ciò che riguarda FCA e CNH). Oltre a strade, autostrade e tutto ciò che riguarda il mondo dell'auto. Marchi Italiani e FCA - CNH in generale
Il Web Magazine Passione Auto Italiane consiglia il Fiat 500X Club Italia - Passione Auto Italiane su Facebook, Clicca Qui - Seguici in modalità WEB anche su Tablet e Smartphone

Ci stiamo trasferendo gradualmente su http://www.passioneautoitaliane.it/

lunedì 19 settembre 2016

La voglia di vedere la nuova Punto


PassioneAutoItaliane.BlogSpot.it - Seguici su Facebook Cliccando QUI
(Seguici in modalità WEB anche su Tablet e Smartphone)

Sergio Marchionne ha dichiarato: “una delle scelte su cui siamo stati fortunati è stata non rinnovare la Punto. Avremmo fatto un errore di dimensioni bestiali perché il mercato è cambiato”. E' vero che l'attuale Punto ormai vende solo in Italia spinta dalle offerte e che si avvicina alla pensione senza vedere un imminente sostituta, ma a nostro avviso, Marchionne , intende dire che hanno dovuto rivedere il progetto in corsa, e che quindi la Punto, prima o poi, avrà la sua erede. Che sia una Punto, o una 500 a 5 porte, non si sa, ma quel che conta è che qualcosa arrivi, visto che è un segmento importante per Fiat e dove tutta la concorrenza si sta rinnovando con restyling e nuovi modelli.


Questa è solo una nostra riflessione, ma speriamo al più presto di potervi raccontare realmente che a Torino stanno sviluppando una nuova B a marchio Fiat. Siamo i primi a desiderarla fortemente e a sperare che Fiat ci stia già lavorando per non allungare ulteriormente i tempi. Non si parla di un modello di nicchia a cui si può rinunciare, ma ad un auto, che insieme alla Panda, è la più importante della gamma Fiat. 

Web Magazine Passione Auto Italiane
Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_AUTO_Italiane
Render, Scoop, Foto, Sponsor, Contatti...: redazionewm@outlook.com

17 commenti:

  1. In effetti il segmento B ha sempre costituito la nervatura del marchio. Nel complesso Marchionne ha lavorato egregiamente, lo si deve riconoscere. Però la Punto non si può e deve lasciar morire così

    RispondiElimina
  2. compatta 5 porte 4 ml bella, efficiente, comoda per qualsiasi occasione, sciccosa, sportiva e sportivissima, e tecnologica..........Audi A1+Mini+208+Clio+DS3+Mazda 2+Micra+Polo+Yaris+i20+Rio+Swift+Citroen C3+Fiesta+Corsa e forse anche Lexus e Infiniti vogliono entrare..................a noi è rimasto solo il Mito! 3 porte!!!!!

    RispondiElimina
  3. A dire il vero anche la Mito è arrivata alla fine...dopo il restyling 2016 che verrà commercializzato per i prox 3 anni (almeno) anche la mito, come la punto cesserà di esistere...Per quanto riguarda la Ypsilon, marchionne ha dichiarato di voler chiudere definitivamente tutto il marchio Lancia...quindi mi sa che resteremo anche senza Ypsilon...Evidentemente qualcuno si è fatto tanti soldi da potersi permettere di regalare l'intero segmento B alla concorrenza...

    RispondiElimina
  4. Punto.... ci resterà solo la voglia! Finché Marchionne non andrà in pensione con le sue glorie e verrà sostituito da un manager che crede all'Europa non vedremo nulla! In un mercato di suv noi togliamo dal mercato la freemont rimanendo con la 500x... stiamo presentando la compass e del c-suv Fiat manco l'ombra, così come della nuova 500... credo che il marchio Fiat è destinato ad essere il secondo bannato dopo quello lancia. Da fiattaro torinese fedele ormai ho perso le speranze. Peccato Fiat. Eri leader europea fino agli anni '80 poi è arrivato Romiti... ed ora Marchionne. Che pena

    RispondiElimina
  5. Beh dai non credo proprio che il marchio fiat verrà bannato. Però non mi va giù questa strategia di Fca che lascia morire un modello mandandolo fuori produzione e magari presentandone l'erede dopo un anno e mezzo... tipo la 159, il Freemont, la bravo, e adesso probabilmente la punto.. così si lascia seppure temporaneamente un buco vuoto x la concorrenza e non c'è continuità nei modelli...

    RispondiElimina
  6. .....sembra quasi che la direnza voglia tenere sempre il bicchiere mezzo pieno! mi spiego: l' obbiettivo è rispettare i patti con l' Italia, i dati di occupazione e soprattutto i patti con i sindacati, senza strafare, senza fare troppo i grandi numeri che potrebbero perchè............i profitti si fanno con i marchi premium (mettiamoci anche Abarth) e le tasse non si pagano andando in Olanda(....per ora).
    Utili con le piccole non si fanno, al giorno d' oggi, ed ecco che da "buon regime comunista che tanti vogliono" non si ha nessun interesse a fare grandi numeri...........fare mantenere tanti SCANSAFATICHE!!!!

    RispondiElimina
  7. diciamo che il mercato del segmento B (ma vale anche per altri segmenti) si è divaricato: da una parte i modelli 'generalisti' che devono esser fatti bene e con un'immagine buona, ma badano molto alla sostanza (ad es. la Tipo) e sui quali i margini sono assai risicati; dall'altra modelli 'premium' che possono permettersi scelte tecniche e stilistiche più azzardate e listini più alti (ad es Giulia). A mio parere FCA dovrebbe perseguire questa strada anche per il segmento B, con un'erede della Punto magari fabbricata all'estero per contenere i costi (Brasile? Serbia?), con soluzioni semplici ed economiche ma che non lesini su spazio, praticità, stile adeguato ed idee furbe, mentre prodotta in Italia ci starebbe benone una super-B sportiva a marchio Alfa con trazione anteriore o integrale basata sul pianale Renegade e da esportare in tutto il mondo. Ovvio, significa investire un po' di denaro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Tipo fa parte del segmento C, come Golf, 308, Leon, Astra, ecc.

      Elimina
    2. Sì mi sa che si è fatta un po di confusione tra i segmenti. ...

      Elimina
  8. Capisco la bassa remuneratività dell'attuale segmento B, però non si può lasciare libera questa fascia di mercato, che comunque vende qualche milione di pezzi all'anno.
    Un segmento poi, dove Fiat è sempre stata presente e fortissima. Se mai dovesse andare a finire così, che l'attuale Punto esce di scena, fino all'arrivo di un nuovo modello, quindi per un paio di anni almeno, la concorrenza inizierà a festeggiare domani, per finire a fine anno.
    Il mercato attuale è vero che è diverso, è vero che ci sono molte più concorrenti. Arrivare a vendere 500.000 unità in un anno, adesso è poco realistico, ma non si può lasciare libero questo segmento.
    Già l'attuale Punto, rispetto alla concorrenza è indietro di una generazione e mezza, infatti vende solo in Italia, grazie ai forti sconti, non mi pare il caso di perdere ancora molto terreno. Anche perché, rubare poi clienti alla concorrenza, è sempre complicato.

    RispondiElimina
  9. Presentino a Ginevra 2017 una super 500 (dopo C, S, L, XL e X ci starebbe una M(odificata) o F(ive) o R(innovata)) e traghettare tutti i desiderosi appassionati fino alla seconda metà del 2018......ma mi sembra veramente tanto tempo!!!!! ci saranno Tesla, Audi e Renault con le elettriche.....basta allungare il telaio della 500 attuale.......insomma mi sembra proprio scontato che manca un importante presenza nel mercato europeo e forse anche americano, viste le soddisfazioni di Mini, Maggiolino, e 500 stessa!!!!!

    RispondiElimina
  10. Signori, scusate lo sfogo di ieri ma per me che sono nato nella città della Fiat è un grandissimo dispiacere vedere che non si fa più molto sul prodotto. È inutile dire che con le sole 500 (e le sue varianti) e Panda (ammazza che eccitante il restyling 2017!) non si va da nessuna parte. Fiat era leader del mercato fino a 30 anni fa quando era gestita dala famiglia e da manager coi c....zi tipo Ghidella.
    Poi è successo qualcosa. La politica è arrivata e ciao balle.
    Il problema è che per diventare come VW bisogna crederci e lavorare come pazzi per fare sempre di più e meglio. Abnegazione e lavoro durissimo. Purtroppo noi abbiamo i sindacati che pensano solo a lavorare di meno ed i risultati sono questi.... quanto ai nuovi modelli mi domando come si possa ancora credere al piano di rinnovamento di Alfa.... ci faremo bastare Giulia e Stelvio e poi non succederà nulla per 6 o 7 anni. Per chiudere, anche in USA si sta facendo poco. Guardate la gamma Dodge o Chrysler.... penosa!!!
    Spero che Sergionne vada presto in pensione

    RispondiElimina
  11. Per arrivare ad avere una gamma completa, di ogni marchio, che copra ogni segmento, bisogna vendere e autofinanziarsi.
    Pensiamo per un momento da dove FCA è partita, alcuni anni fa, che aveva un piede e mezzo nella fossa.
    Ripartire non è mai facile, riconquistare la fiducia dei clienti ancora meno.
    Vero è che, alcune scelte, avrebbero potuto essere fatte in modo diverso, ma chi fa può anche sbagliare, chi non fa nulla non sbaglierà mai. Col senno di poi, è facile criticare.
    Spero che Giulia e Stelvio, così come Tipo e Levante, vendano alla grande, in modo da far debuttare tutti i modelli del piano e perché no, anche qualche modello fino ad ora rimasto segreto.

    RispondiElimina
  12. Spero tantissimo anche io che FCA venda alla grande. Ma non accetto che per ogni nuovo modello si debbano pregare gli dei e si veda solo la concorrenza prenderci quote di mercato abbandonate. Ricordo che marchi come VW Audi Land Rover Jaguar Porsche erano messe parecchio male non molti anni fa ed ora....
    Chi è più informato di me mi sa dire perché il C suv Fiat non è neppure nei sogni della dirigenza? Avrebbe sicuramente margini maggiori di una Tipo svendita a prezzi ridicoli

    RispondiElimina
  13. Secondo me ci sarà la punto e sarà una worldcar low-cost brasiliana.... e si chiamerà uno come fatto con l'erede della bravo. Accetto scommesse

    RispondiElimina