Dichiarazioni di Altavilla sull'elettrico

Seguici Cliccando QUI

Il coo, chief operating officer, per l'area Emea di FCA, Alfredo Altavilla, ha dato una scossa piuttosto pesante agli EV. Il manager ha detto: "L'auto elettrica oggi non è un'alternativa credibile e le vendite non giustificano l'investimento", perché "un mercato in cui i clienti non sono disposti a pagare un prodotto non è un mercato". "Le batterie occupano troppo spazio, hanno una resa scarsa, durano poco e non c'è una rete capillare".


Sergio Marchionne ha anche sostenuto che "l'elettrico ha dei limiti: i numeri non quadrano e bisogna stare attenti a non innamorarsi di una tecnologia che solo in apparenza pare una soluzione completa". Una posizione dettata presumibilmente dall'opportunità che FCA sia più presente sul mercato degli EV, senza però sbilanciare il mix dell'offerta.

Altavilla ha anche ricordato che: "un'auto elettrica alimentata con l'elettricità prodotta da una centrale a carbone inquina di più di un diesel di ultima generazione". "La soluzione c'è ed è il gas naturale. Il metano costa meno della benzina e del gasolio e i consumi sono inferiori", inquina di meno ed "è anche un ponte per la valorizzazione del biometano".

Web Magazine Passione Auto Italiane: Seguici cliccando qui
Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_AUTO_Italiane
Render, Foto, Sponsor, Contatti...: redazionewm@outlook.com

Commenti

  1. Concordo, l'elettrico ha troppi limiti: tempi di ricarica lunghi, autonomia ridotta.
    Forse il problema non è solo il carbone ma anche il nucleare.
    Ci sarebbe un'impennata di richiesta di energia elettrica e quindi un'impennata di scorie radioattive che vanno a finire chissà dove inquinando chissà quanto!
    Che fine faranno poi le batterie una volta finito il ciclo di utilizzo?

    RispondiElimina
  2. Io faccio il tifo per l'idrogeno è speriamo abbia la meglio sull'elettrico!

    RispondiElimina
  3. Non lo so.
    Forse la verità sta nel mezzo.
    Nel senso che, se nessuno si prende la briga di presentare modelli, mai potranno migliorare.
    In più, il mercato vuole l'ibrido? Diamo l'ibrido al mercato. Non ha senso sempre arrivare con 10 anni dopo la concorrenza.
    Poi ovviamente nel caso di FCA, pesano anche i pochi soldi in cassa, per cui gli investimenti erano a zero, negli anni passati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo scusa.
      Ho dimenticato di scrivere, che al momento la strada è l'ibrido, non esclusivamente l'elettrico.

      Elimina
  4. FCA ha già iniziato la strada dell'ibrido con Ferrari ed ora sulla Chrysler Pacifica; inoltre ha già esperienza sull'elettrico (l'ultima in ordine di tempo si una lunga serie è la 500 elettrica, venduta belgi Stati Uniti). Ma ad oggi ecologicamente ed economicamente ha molto più senso un'auto a gas, per il futuro si vedrà, in ogni caso è già in programma un ampliamento della gamma ibrida nel 2017 2018 su maserati

    RispondiElimina

Posta un commento

Controllo dei messaggi

Post popolari in questo blog

Prodotta oggi a Pomigliano d'Arco la milionesima Fiat Panda

Alfa Romeo Giulia si aggiudica il titolo di “Auto dell’Anno 2018” in Nord America

Cosa vedremo prossimamente

Nuovo investimento di 42 milioni a Pomigliano d'Arco. A inizio 2018 l'annuncio dell'arrivo di una Nuova Alfa Romeo

Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo 48V Mild Hybrid