Facebook - Google+ - Twitter - Instagram - YouTube -
passioneautoitaliane.it - redazionewm@outlook.com

martedì 22 marzo 2016

Fiat Mobi senza veli





La Fiat Mobi arriva in Brasile ad aprile. La lunghezza è sui 3,70m, mentre la distanza fra le ruote anteriori e posteriori dovrebbe misurare 2,35m. Il portellone è in vetro, la carrozzeria a cinque porte. Il bagagliaio dovrebbe avere una volumetria di circa 260 litri. Più qualità e tecnologia con il sistema multimediale con ampio schermo ed ampia dotazione in materia connettività.
La Fiat Mobi porterà all’esordio un benzina di nuova generazione: appartiene alla famiglia Small Gasoline Engine ed è cugino dello 0.9 TwinAir, ma avrà cilindrata di un litro e frazionamento a tre cilindri. Indiscrezioni danno per sicura una potenza di 80 CV. L’SGE dovrebbe arrivare però nel 2017, mentre all’esordio sarà disponibile un benzina da un litro, a quattro cilindri, accreditato di 75 CV ma decisamente meno evoluto rispetto all’SGE. Arriverà anche la versione più adatta al fuoristrada, e non è previsto il suo arrivo in Europa, dove la Panda si appresta a ricevere un aggiornamento. 


Web Magazine Passione Auto Italiane: Seguici cliccando qui

Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_AUTO_Italiane
redazionewm@outlook.com

13 commenti:

  1. Fari posteriori troppo grandi ed anche il muso è massiccio, forse troppo, considerando che si tratta di una city car.
    Così, di primo acchito, non mi piace molto.
    Pneumatici troppo picoli, rispetto ai passaruota. Purtroppo le strade là, non sono il massimo.
    Mi riservo di vedere delle foto migliori degli esterni e degli interni, per un giudizio definitivo.
    E' anche vero, che il mercato di riferimento non è il nostro, quindi se è stata fatta così, è perché deve incontrare i gusti del mercato sud americano.

    RispondiElimina
  2. ammetto che è molto carina.... mi piacerebbe vedere altre foto della Mobi
    DF

    RispondiElimina
  3. Per me è brutta oltre ogni immaginazione. Ma che si sono bevuti in Fiat? Se è per il mercato sudamericano deve essere un'auto economica, ma non vuol dire che deve essere anche brutta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma devi capire che quello che è brutto per te l'italiano, potrebbe invece essere molto bello per uno brasiliano. Io sono andato in Brasile 2 volte e ti devo dire che è in linea con i gusti del mercato. Corta con muso masiccio, tipico del Brasile.

      Elimina
  4. Non riesco a capire dove si posizionerà questo modello, dato che sembra lo stesso segmento della Uno...pensavo che la facessero più corta

    RispondiElimina
  5. Anche io pensavo la facessero più corta.. Il passo citato è praticamente lo stesso della Uno, se le dimensioni si confermeranno queste mi deluderà un po'...

    RispondiElimina
  6. A quanto ho capito, sostituirà la Uno, sbaglio?

    RispondiElimina
  7. Intanto in Italia Atos, Spark & co hanno venduto parecchio (e non erano affatto molto piú belle della Mobi)
    Con un prezzo d' acquisto basso molta gente se la fará piacere...(vedere tutte le Dacia, le coreane dell'inizio del duemila, e le Skoda anni novanta...dunque automobili obbiettivamente brutte e arretrate, ma tuttavia la gente le ha comprate.

    RispondiElimina
  8. Intanto in Italia Atos, Spark & co hanno venduto parecchio (e non erano affatto molto piú belle della Mobi)
    Con un prezzo d' acquisto basso molta gente se la fará piacere...(vedere tutte le Dacia, le coreane dell'inizio del duemila, e le Skoda anni novanta...dunque automobili obbiettivamente brutte e arretrate, ma tuttavia la gente le ha comprate.

    RispondiElimina
  9. Mi sembra una versione riveduta della PANDA ,mi piace.

    RispondiElimina
  10. Sono molto soddisfatto che FIAT stia lanciando tanti modelli nuovi o rivisitati .
    Mi sembra questa una strada maestra da perseguire con costanza e coerenza.

    RispondiElimina
  11. Carina, molto ma molto simile alla Renault Kwid...sembra che l'abbiano fatta insieme quasi quasi.... Comunque non mi dispiacerebbe se la vendessero anche in Italia...forse è il momento di abbattere certi luoghi comuni di "paesi ricchi" e "paesi poveri" lì piace e là non piace ... La Tipo ci fa facendo scuola "riesumando" una categoria di auto estinta in Italia, e dimostrando che si può fare e fare anche bene!
    Una piccola precisazione...in Italia siamo con le pezze al culo....come o forse anche peggio di quei paesi "poveri" a cui è rivolta questa auto!

    RispondiElimina

Controllo anti SPAM ATTIVO!!! Spam e offese vengono eliminati in automatico!!!