Facebook - Google+ - Twitter - Instagram - YouTube -
passioneautoitaliane.it - redazionewm@outlook.com

venerdì 19 febbraio 2016

Alfa Romeo Giulietta nuova generazione

Render Omniauto.it

L'Alfa Romeo Giulietta si appresta a ricevere un aggiornamento di metà carriera, e la scopriremo mercoledì 24 febbraio (Clicca Qui). Ma la novità più importante arriverà tra il 2017 e il 2020, quando l'attuale Giulietta verrà sostituita dal modello completamente nuovo. 

Il sito Omniauto.it la immagina con questo render, ma non si sa nulla sul suo stile, anche se è normale pensare che seguirà il nuovo corso inaugurato con la Giulia (fra 11 giorni la vedremo a Ginevra con l'intera gamma). Per il resto si sa che sarà una premium pura e avrà la trazione posteriore.

Web Magazine Passione Auto Italiane: Seguici cliccando qui
Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_AUTO_Italiane
redazionewm@outlook.com

7 commenti:

  1. Però un range di 3 anni, per la presentazione del nuovo modello mi pare un po' troppo.
    Comunque, vista l'uscita dell'aggiornamento di quest'anno, direi che andiamo verso il 2019...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alfa non ha comunicato una data certa e si sa che le novità arrivano tra il 2016 (Giulia) e il 2020

      Elimina
  2. La Giulietta secondo me non verrà sostitiuta del tutto. Piutosto un altro aggiornamento nel 2020. E' una macchina ammatissima dagli Italiani, e poi il nome ha ormai fatto storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è già stato annunciato che arriverà il modello totalmente nuovo con trazione posteriore. Nei giorni scorsi abbiamo mostrato anche il piano industriale dove è stata inserita ;-)

      Elimina
  3. è verosimile che sarà derivata dalla Giulia e prodotta nello stesso stabilimento di Cassino. Su tempi, stile, versioni, motori, ecc ecc è tutto da definire. Comunque ci sarà e punterà verso l'alto. Il che a mio parere apre spazio per un'erede della Mito a trazione anteriore, derivata dalla piattaforma B-wide, che stia a cavallo tra i segmenti B e C e che potrebbe sempre essere prodotta in Italia, costituendo comunque un'eccellenza italiana in stile Alfa ma più accessibile come costi delle future Giulia e Giulietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le uniche cose che si sanno è che sarà a trazione posteriore e sarà prodotta a Cassino ;-) Per Mito pare che non avrà futuro

      Elimina
    2. spero vivamente che ci sarà un erede della MiTo magari a 5 porte...
      ps: se avessero fatto anche a 5 porte l'attuale versione, avrebbe stra-venduto oltre le A1 e le mini 5 porte.....
      ma siccome sono sc3m1 quelli del vertice... questo è il risultato...

      Elimina

Controllo anti SPAM ATTIVO!!! Spam e offese vengono eliminati in automatico!!!