Facebook - Google+ - Twitter - Instagram - YouTube -
passioneautoitaliane.it - redazionewm@outlook.com

giovedì 16 luglio 2015

Camp Jeep 2015

Lo scorso fine settimana a Montalieu Vercieu (Francia) si è svolta la seconda edizione del raduno internazionale che ha registrato quasi 2.000 partecipanti, provenienti da 25 nazioni, e circa 350 vetture Jeep iscritte. Numeri che dimostra quanto sia alta l’attenzione su questi particolari eventi che coniugano i valori autentici del marchio americano: l’avventura, la guida in off-road e le attività all’aria aperta.
Coerentemente con il claim “In Adventure We Trust!”, l’evento francese è stato organizzato dal Jeep Owners Group (JOG), l'unico club ufficiale gestito dal marchio e già attivo in 17 Paesi dell’area EMEA.
La “tre giorni” è stata ospitata nel cuore della Vallée Bleue, nel dipartimento dell’Isere, che ha offerto splendidi paesaggi montuosi quali il massiccio della Chartreuse e la catena di Belledonne. Una cornice mozzafiato, ideale per una guida in off-road estrema. In questa
location i partecipanti hanno potuto affrontare quattro percorsi off-road mettendo alla prova le proprie Jeep sui terreni più diversi.
Un cenno particolare meritano tre esemplari storici che il pubblico ha potuto ammirare al raduno francese: una leggendaria CJ-2A, la versione a uso civile della storica Willys MB del 1941, e due esemplari della CJ Levi's, il primo Renegade prodotto 40 anni fa con la collaborazione del brand di abbigliamento Levi’s. In mostra anche tre showcar Jeep by Mopar: Wrangler Unlimited "Night Rock",  Wrangler Rubicon "Dark Side" e Renegade "Hard Steel".
Il Camp Jeep è l’erede europeo del primo Jeep Jamboree che fu organizzato nel 1953. Il raid partì da Georgetown, attraversò le montagne della Sierra Nevada, passando per il celebre Rubicon Trail, il famoso percorso off-road di oltre 35 km che si snoda tra il lago Tahoe e Sacramento (California). Attualmente, ogni anno, vengono organizzati una trentina di Jeeper Jamboree negli Stati Uniti cui prendono parte migliaia di appassionati accomunati dallo stesso spirito d’avventura e divertimento all’aria aperta.
Gli stessi ingredienti hanno caratterizzato l’europeo Camp Jeep 2015 e tra i partecipanti più entusiasti vi erano certamente tre ambasciatori del marchio intervenuti all’evento francese: l’italiano Bruno Tinelli che da oltre 30 anni guida esclusivamente vetture Jeep, oltre a essere  presidente del Jeepers Club Milano e fondatore del Jeepers Meeting di Maggiora (Novara), uno dei raduni più importanti in Europa;  l’olandese Willem W.C. van Holten - amico del leggendario Mark A. Smith, fondatore dei Jeep Jamboree americani - che ha poi importato il format in Europa, dopo aver partecipato oltre 20 anni fa al suo primo raduno statunitense; e l’inglese Stewart Harding, presidente del Jeep Owners Club UK e organizzatore del Jeep Owners Club Summer Camp che si è tenuto il 4 e 5 luglio nell’area off-road 4x4 di Yarwell.

Nessun commento:

Posta un commento

Controllo anti SPAM ATTIVO!!! Spam e offese vengono eliminati in automatico!!!